BCC Banca Centro
Tosti srl
Comune di Siena

tutto sul Palio di Siena e gli altri palii italiani


Pietro Tonnicodi Fotografo
Fit Fighters

L'Arte del Palio: il Drappellone del 13 settembre 1986


L'Arte del Palio: il Drappellone del 13 settembre 1986
03/08/2020

Dipinto da Salvatore Fiume.

Diciassettesimo ed ultimo appuntamento con la nostra rubrica "L'Arte del Palio" a cura di Nicola Nunziati che ogni lunedì ha analizzato per noi un Drappellone a sua scelta vinto da ogni Contrada. Oggi concludiamo con il Drappellone del 13 settembre 1986 dipinto da Salvatore Fiume e che fu vinto dalla Contrada di Valdimontone con Giuseppe Pes detto Il Peese. Come sempre, dopo l'analisi pittorica, trovate anche i dettagli della corsa. Ringraziamo Nicola Nunziati per il prezioso contributo datoci con questa rubrica

 

L'Analisi pittorica

Salvatore Fiume, nasce a Cosimo in Sicilia il 23 Ottobre 1915. Dopo I primi insegnamenti artistici nella propria città, vince una borsa di studio che lo porta ad Urbino a Regio Istituto d'Arte del Libro. Successivamente si trasferisce a Milano e apprende le tecniche di stampa e quelle pittoriche.

Diviene Art Director della rivista “Tecnica e Organizzazione “ assunto direttamente da Olivetti ma a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Fiume viene richiamato come ufficiale di fanteria. Rimane in contatto con gli amici Milanesi del calibro di Salvatore Quasimodo. Oltre a disegnare, il maestro comincia scrivere, pubblicando nel 1943 il romanzo autobiografico “Viva Gioconda!” scritto durante la vita militare.

Dal 1946, approfondisce lo stile pittorico, giunge alla Galleria Borromini e nel ‘49 suscita l'interesse della critica. L'anno dopo è protagonista alla Biennale di Venezia e “Life”, la celebre rivista statunitense, gli dedica la copertina. Sono anni in cui Fiume completa grandi opere cicliche e giungono commissioni da firme dell’architettura degne di nota, tra questi Gio Ponti.

Le sue tele fanno parte di collezioni prestigiose intorno al globo, mostre personali e collettive si succedono con regolare frequenza. Oltre a tutto questo, l'artista esegue anche grandi mosaici ed approfondisce altre forme d'arte, come la letteratura, il teatro e la poesia. La pittura di Fiume muta come l'artista stesso, influenzato dai viaggi che compie nel corso della sua vita alla ricerca di nuove forme da plasmare su tela. I soggetti sono quelli della realtà, fatta di cultura, costumi e atmosfere di ogni luogo, rielaborati secondo una visione del tutto soggettiva: forme plastiche e rotonde, colori accesi, memorie del celebre Paul Gauguin, giungendo a visualizzare opere dal forte impatto metafisico, dettato da tematiche fantastiche, dove I soggetti sospesi nel tempo emergono prepotentemente con linee semplici.

Nel 1986, in occasione del Palio Straordinario per la celebrazione del secondo centenario dell'istituzione della Comunità Civica di Siena, Salvatore Fiume ha l'incarico di dipingere il cencio vinto dalla contrada del Montone. E' un'opera di grande impatto, visivo e comunicativo. Uno sfondo azzurro alleggerisce il peso dell'immagine e ne conferisce ancor più volume e importanza. L'azzurro, non ha sfumature, non ci sono nuvole, è piatto e porta lo spettatore a visualizzare il cavallo che padroneggia nel Drappellone.

L’equino è bianco e nero come I colori della città, veste la balzana e ne ricorda anche lo scudo attraverso le forme del collo insieme a quelle del muso. Con questo “stratagemma” Fiume in poche parole racconta tutto: cosa sia Siena, il Palio, le sue radici, a partire da quel 29 Agosto 1786, data che determina la nascita di quello per certi versi è simile all'odierno Comune. Vennero abolite la Biccherna e la Balia, gli organismi che si erano occupati del Palio e delle contrade, viene istituita non solo la nuova comunità ma anche la Deputazione del Monte dei Paschi con lo scopo di intervenire e gestire il corso regolare degli affari della Deputazione, composta dal Sovrintendente e da otto membri.

Il pittore ci racconta l'importanza di queste gesta e il peso del dover sostenere un tale incarico. Il Palazzo Comunale sostenuto da un uomo, fiero, rigido e potente, cinge tra le sue mani il Palazzo, ci guarda con occhi severi, consapevole delle difficoltà rivoluzionare nel dover gestire un Comune. Allo stesso tempo è portatore di valori del passato, di una grande città capace di dipingere il Buon Governo del Lorenzetti, l'uomo in sella al cavallo rappresenta la comunità, i popoli, suddivisi in rioni e uniti sotto lo stemma comunale.

I due soggetti, quasi monocromi, sono illuminati con bagliori di giallo e ocra. Le zampe del cavallo, sottili si tingono di montone. I colori sono quelli, poggianti su di una base marmorea, sotto la quale, come scolpiti su pietra serena, si mostrano le araldiche delle contrade, unici elementi che sanno di reale in questo dipinto fantastico. Il bestiario raffigurato è quello di sempre, il medesimo mostrato ai contradaioli nel 1786.

Il connubio tra presente, passato e futuro è tutto strettamente collegato, non potrebbe essere diversamente, non ci sono altre figure nel Drappellone, altri elementi che possono distogliere l'attenzione, un dipinto scultoreo, composto da pochi segni, come per natura dello stesso artista, capace di riassumere un importante momento senese.

 

La corsa

Palio Straordinario corso per il secondo centenario dell'istituzione della Comunità Civica di Siena. Alla Tratta vengono presentati 28 cavalli e i Capitani scelgono un lotto con molti cavalli di qualità. Favorite dalla sorte sono l'Oca con Benito III (vincitore di 2 Carriere), la Pantera con Baiardo IV (vincitore due anni prima nell'Oca). Buone chances anche per il Valdimontone con Brandano, il Nicchio con Figaro e il Drago con Vipera. Tre gli esordienti: Emiro Benny (Lupa), Goldrake (Onda) e Diavolo II (Istrice).

Aceto va a montare Benito nell'Oca, Bastiano sceglie Figaro nel Nicchio mentre il Valdimontone conferma Il Pesse. Da segnalare lo scambio di fantini tra Pantera e Istrice: l'esordiente Silvio Etrea detto Silvio passa dalla Pantera all'Istrice mentre il percorso inverso viene fatto da Cianchino che va in Stalloreggi su Baiardo. Il Drago su Vipera conferma Falchino dopo la vittoria nel Palio di luglio. Segnaliamo l'ultimo Palio di Leonardo Viti detto Canapino che monta Bizzarro nella Torre. Durante le prove c'è purtroppo l'infortunio del cavallo della Lupa Emiro Benny: si corre in 9.

Di rincorsa c'è il Drago con Falchino e Vipera: quando entra scatta in testa il Nicchio con Figaro e Bastiano, seguito dall'Oca con Benito e Aceto e dall'Istrice con Silvio e Diavolo mentre alla Mossa c'è la caduta della Pantera. A San Martino è sempre primo il Nicchio, seguito dalla Giraffa con Truciolo e Amore che ha un grande spunto, al terzo posto c'è il Valdimontone. 

Al primo Casato il Nicchio è sempre in testa mentre la Giraffa gira troppo stretta battendo nel colonnino e perde posizioni. Ne approfitta il Valdimontone che si lancia all'inseguimento del Nicchio. Al secondo San Martino il Nicchio gira largo, il Valdimontone cerca il varco interno e c'è poi uno scambio di nerbate tra le due avversarie. 

All'inizio del terzo giro il Valdimontone riesce a prendere la testa, al secondo posto c'è il Nicchio mentre gli altri sono molto più distanziati. Il Pesse e Brandano si avviano così all'ultimo Casato: vince il Valdimontone. Per Il Pesse è la seconda vittoria, così come per il grigio Brandano.

La vittoria per il Valdimontone mancava dal Palio del 2 luglio 1982. Il Capitano vittorioso è Anna Maria Befani, con i mangini Bruno Olmastroni, Franco Morandi, Gianfranco Semplici. il Priore è Bernardino Chiantini.

 

 

Nicola Nunziati, Francesco Zanibelli



Betti editrice
Osteria Permalico
Assemblea Generale
14 giugno 2024 Istrice

Assemblea Generale


Assemblea Generale
13 giugno 2024 Aquila

Assemblea Generale


Assemblea Generale
05 giugno 2024 Leocorno

Assemblea Generale


Assemblea Generale
04 giugno 2024 Giraffa

Assemblea Generale


Cena del territorio
01 giugno 2024 Leocorno

Cena del territorio


I prossimi appuntamenti
29 maggio 2024 Onda

I prossimi appuntamenti


La lista dei battezzati
26 maggio 2024 Drago

La lista dei battezzati


Consiglio Generale
23 maggio 2024 Civetta

Consiglio Generale


Assemblea Straordinaria
21 maggio 2024 Valdimontone

Assemblea Straordinaria


Stalchem
Bar al Solito Posto
Associazione Punto di Vista
WelcHome
Marco Grandi
Spoonriver
Il Palio.org
Palio.be
Toscana Free
Ricordi di Palio
Il Palio Siena
OKSiena