BCC Banca Centro
Comune di Siena
Storie di Dolci

tutto sul Palio di Siena e gli altri palii italiani


Fit Fighters
L'Arsneon Toscana

Il 12 maggio 1942 nasceva Leonardo Viti detto Canapino


Il 12 maggio 1942 nasceva Leonardo Viti detto Canapino
12/05/2021

Grande personaggio del mondo del Palio.

Il 12 maggio 1942 a Siena nasceva Leonardo Viti detto Canapino, vincitore di 3 Palii tra il 1960 e il 1986. E' stato allenatore di tanti cavalli vincitori di Palio come Panezio, Rimini e Topolone. Scomparso nel 2007, è ancora ricordato con affetto da tante persone che ne hanno potuto apprezzare le doti umane e professionali. Canapino nella sua carriera ha vinto anche un Palio di Asti, 4 Palii di Legnano, Un Palio di Castiglion Fiorentino e 2 Palii di Abbiategrasso. Vi riproponiamo la nostra intervista al figlio Lorenzo Viti del 2016.

 

Lorenzo, come era tuo babbo in scuderia?

"Era molto “tosto”, lui veniva dal mondo delle regolari e mi raccontava sempre che quando faceva l'allievo fantino insieme a Parti e Vai, l'allenatore che li mandava a “fare il radicchio” per i cavalli non li faceva mangiare se non gli portavano una balla intera. Il mio babbo è cresciuto con questa cosa qui, lui voleva le cose fatte bene. Quando entravi in scuderia dovevi pensare prima al cavallo: prima veniva il cavallo e poi venivi te e ad esempio quando uscivo con il cavallo e prendevo la pioggia dovevo prima sistemarlo e poi potevo andare a cambiarmi. Lui poi ti cambiava il lavoro ogni 5 secondi, non dovevi farti mai vedere con le mani in tasca: ti faceva fare uno steccato ad esempio e poi magari dopo un mese te lo faceva buttare giù e lo dovevi rifare. La cavezza doveva essere attaccata alla porta dalla parte come se dovesse averla addosso il cavallo: mi ricordo una volta che un ragazzo di Asti mise la cavezza al contrario e mio babbo la tolse e gliela tirò. Ti insegnava una filosofia di lavoro che dovevi seguire alla lettera e ti insegnava anche il rispetto delle persone".

 

I suoi cavalli preferiti quali erano? Sappiamo che con Panezio aveva un rapporto particolare.

"In realtà lui Panezio non lo montava spesso però gli è sempre rimasto nel cuore. Era molto affezionato anche a due purosangue: Valsandro, con cui ha vinto tante corse tra cui il palio a Legnano nel 1982 (ha corso anche due Palii a Siena n.d.r) e Varegino, con cui vinse ad Asti nel 1986. Mi ricordo poi che, quando ero piccolo, montava spesso anche Rimini mentre io montavo un purosangue: con una mano teneva me con una corda, mentre con l'altra teneva Rimini".

 

Si è sempre detto che Canapino ha vinto pochi Palii rispetto alle capacità che aveva: lui ti ha mai parlato di questo suo rammarico di aver vinto poco?

"Con me non parlava mai di queste cose, sicuramente se adesso fosse vivo gli avrei fatto un sacco di domande in più. Comunque penso che lui volutamente spesso non abbia voluto vincere perché dava molta importanza all'amicizia e penso che per fare alcuni piaceri abbia sacrificato la sua “gloria personale”. Credo comunque che dentro di sé un po' di rammarico ce l'avesse".

 

Il suo rapporto con Aceto?

"Fuori dalle corse si prendevano in giro di continuo poi dentro Piazza Andrea mi ha sempre detto che per il carattere che aveva con mio babbo ci litigava sempre. Quando Andrea diceva a mio babbo di fare delle cose insieme (o vincere o perdere) lui faceva puntualmente il contrario di quanto avevano stabilito e sapendo come era il carattere di mio babbo credo che sia andata davvero così. Anche quando Andrea veniva a trovarci in scuderia con mio babbo si prendevano in giro e ti facevano ridere molto ma quando si avvicinava il Palio puntualmente litigavano".

 

Quali sono le Contrade alle quali tuo babbo era rimasto più legato?

"Sicuramente la Tartuca e la Pantera. Nella Tartuca ha avuto rapporti ottimi con Adù Muzzi e con Mauro Bernardoni specialmente. Nella Pantera aveva un legame speciale con Ettore Bastianini che ha fatto anche da padrino a mia sorella".

 

Il 29 giugno 1999 ci fu l'ultima apparizione di tuo babbo in Piazza del Campo nella Selva: raccontaci come andò.

"Lui si sentiva sempre di montare tant'è che continuò a correre alle regolari fino al 2000-2001. Nel 1999 il Capitano della Selva Roberto Marini, che ha sempre voluto molto bene a mio babbo, decise di fargli fare la prima prova, anche per aiutarlo e dargli una mano. Mio babbo poi si arrabbiò perché avrebbe voluto montare anche il Palio ma Roberto Marini gli aveva detto chiaramente che avrebbe fatto solo la prima prova; a mio babbo, però, la cosa non andò giù".

Citis


Osteria Permalico
I prossimi appuntamenti
27 luglio 2021 Nicchio

I prossimi appuntamenti


Borsa di Studio Sabatino Mori
25 luglio 2021 Civetta

Borsa di Studio Sabatino Mori


Pizza in Società
12 luglio 2021 Leocorno

Pizza in Società


Pastasciutta in Società
10 luglio 2021 Leocorno

Pastasciutta in Società


Assemblea Straordinaria
09 luglio 2021 Valdimontone

Assemblea Straordinaria


I prossimi appuntamenti
08 luglio 2021 Giraffa

I prossimi appuntamenti


Apertura estiva del Complesso Museale
06 luglio 2021 Tartuca

Apertura estiva del Complesso Museale


I prossimi appuntamenti
25 giugno 2021 Nicchio

I prossimi appuntamenti


I prossimi appuntamenti
24 giugno 2021 Giraffa

I prossimi appuntamenti


96 ore di cene
22 giugno 2021 Leocorno

96 ore di cene


Apicultura Patrone
COMOLAS
Bar al Solito Posto
Associazione Punto di Vista
WelcHome
Antica Siena
Marco Grandi
Tonnicodi
ISiena
Dolci di Forno
Spoonriver
Il Palio.org
Palio.be
Toscana Free
Ricordi di Palio
Il Palio Siena
OKSiena